giraldi editore

Valdrada

a cura di Gianni Cascone

ScritturaCollettiva
Immagici
260
13,50
978-88-6155-697-3
2017

Recensione

carrelloacquista

Valdrada è il nome che Calvino diede alla città che si specchia nel lago ne Le città invisibili. Così scriveva il grande autore: “Gli antichi [la] costruirono sulle rive d’un lago con case tutte verande una sopra l’altra e vie alte che affacciano sull’acqua i parapetti a balaustra. Così il viaggiatore vede arrivando due città: una diritta sopra il lago e una riflessa capovolta”.
Questo romanzo, che vuol rendere omaggio a un maestro della letteratura, narra appunto di una cittadina sorta sulle rive di un lago artificiale, un bacino idroelettrico che sta per subire il consueto svuotamento di manutenzione.
Ma più che gli edifici, nel lago della nostra Valdrada si specchiano i suoi abitanti. A differenza dei cittadini calviniani, non hanno la consapevolezza di vivere una doppia dimensione, anzi: qui lo specchiamento offerto dal lago, sul limitare di un imminente gorgo, è un’occasione di crescita di consapevolezza e una vertigine di rinnovamento.
Diverse sono le vite che incrociano i loro destini a Valdrada: ci sono la parrucchiera zoppa e uno smemorato dalle origini ignote, la cartomante e un uomo che sta morendo, un maggiordomo che va in pensione e un giovane attore che si è messo sulle sue tracce, un barista, il suo amico palestrato e una novizia dalla vocazione incerta, una danzatrice che ama pazzamente la natura. Tutti prima o poi finiranno per specchiarsi nelle acque profonde e lì troveranno una figura enigmatica che guarderà nei loro occhi e saprà interpretare, senza che se ne accorgano, le loro inquietudini e le loro speranze: è il Genio, una metafora liquida della coscienza stessa.

Gianni Cascone, scrittore e regista di Bologna, è uno dei capostipiti della formazione alla scrittura espressiva in Italia. Nel 1991 ha fondato il Laboratorio di Scrittura Grafio, preso a modello alternativo alla Scuola Holden nel Convegno al Salone del Libro di Torino 1996. Fra il 1999 e il 2010 ha organizzato il festival internazionale di letteratura Forme del Narrare. Fra i laboratori di scrittura che conduce in Italia si segnalano quello di San Lazzaro di Savena – che ha dato vita al gruppo letterario IndiMondi autore del romanzo Trailer (Giraldi 2014) –, quelli di Pistoia presso il Centro Culturale “Il Funaro” – che hanno dato vita ai gruppi letterari Immagici (La mano di corallo) e Pistores (La massaggiatrice, lo scrittore, la volpe e gli altri) – e quello di Taggia – che ha dato vita al gruppo letterario del Banchéro, autore dei romanzi Quello che non sei e Ciapa Scioira (Giraldi 2015, 2016). Fra i suoi libri il romanzo Quadrante Nord (Manni 2004) e i racconti La coda dell’occhio (Giraldi 2016).

Gli Immagici sono un autore collettivo nato dalla collaborazione del Centro Diurno Desii (ASL 3 di Pistoia) e del Centro Culturale “Il Funaro” nell’ambito di un progetto di formazione e integrazione culturale. Dopo essersi dedicati alla sceneggiatura di cortometraggi, alla redazione di racconti e alla composizione di un testo teatrale (Storie delle storie del mondo), gli Immagici sono approdati al romanzo collettivo debuttando nel 2012 con La mano di corallo, edito dal Funaro. Valdrada è il loro secondo romanzo.

 

RIMASUGLI, BOLOGNA SBOCCIA SUI MURI - un libro di Leonardo Vicari / trailer